web designer web designer web designer

La Web Reputation? Una cretinata!
Scritto da Arquen il 04/mar/2015 | 1889 letture

 

Ho letto e sentito dire che bisogna avere una buona reputation online, cioè stare attenti a cosa scrivere sui social network, perché chi assume controlla anche il profilo su facebook, su twitter, su pinterest, ecc..

In sostanza queste persone suggeriscono di nascondere parti del tuo carattere e mettere in risalto solo gli aspetti positivi.

Non dare retta a queste persone.

Puoi dimostrare di valere e contemporaneamente essere te stesso/a.

Il mondo virtuale è già pieno di loschi figuri di cui si sa poco o nulla.

Facebook è pieno di bacheche con scritte tipo: guarda questo ultimo tools online per trovare le keywords in 2 secondi; guarda questo workshop sulla web reputation.

Se dimostri di avere delle capacità non hai bisogno di nasconderti dietro la facciata della web reputation. Se dimostri quanto vali, ti assumeranno a prescindere se sei di destra, di centro, di sinistra, della lega, del m5s, se sei razzista, omofobo, cattolico, ateo, ecc. Anzi, essere sinceri potrebbe anche rivelarsi un valore aggiunto.

Non dar retta alle cose che scrivono e dicono sulla reputation online. E' solo un modo come un un altro per attirare l'attenzione e vendere un ebook, un prodotto o farti cliccare su qualche banner.

In alternativa potresti fare come me e creare due account su facebook: il primo per parenti e amici e il secondo per lavoro. Sul secondo profilo ci sono le persone del tipo "tools online e workshop" e lo utilizzo solo per entrare nelle pagine facebook dei miei siti, altrimenti l'avrei già chiuso da tempo. Ho provato a parlare di argomenti reali, ma loro restano nel mondo dei tools e della reputation.

Ti do due consigli:

  • non perdere tempo con la reputation;
  • non passare giornate intere a seguire tutti i siti e blog di settore.

Devi realizzare qualcosa di tuo. Impegnati e non avrai bisogno di cercare. Saranno gli altri a cercare te. Prendi l'inventore di Facebook, di Amazon, di Twitter, di Google. Se avessero pensato prima alla reputation o ad ascoltare i consigli di chi vende fuffa non avrebbero realizzato nulla.

Non mi comporto da falso profeta, ne cerco a tutti i costi di stringere rapporti di collaborazione, però il sito che ospita questo articolo è tra i più famosi d'Italia per gli argomenti trattati. Se anche tu hai trovato il mio articolo un motivo ci sarà.

← Torna indietro

← Torna indietro